Venerdì 26 ottobre, ore 21

ALBERTO FASOLI

LA GLORIA di Giuseppe Berto
In occasione del 40º anniversario della morte di Giuseppe Berto.

musiche dal vivo Serena Cillotto (pianoforte), Stefano Lanzini (violino); adattamento drammaturgico Nicola de Cilia; scenografia virtuale Federico Cautero; regia Giuseppe Emiliani; produzione Teatro Busan – 4DODO.
La Gloria è un monologo di un’anima inquieta, di un traditore “per necessità”. è la storia di Giuda Iscariota: la tragedia di un uomo, strumento, forse consapevole, del disegno divino. In questa sua ultima opera audace, Giuseppe Berto racconta in prima persona la disperata ricerca della rivelazione divina, il tradimento compiuto, paradossalmente, per l’assoluta dedizione a una causa, il peso di una predestinazione sofferta. Quest’opera, pubblicata nel 1978, a distanza di 40 anni della sua uscita, è ritenuta una delle grandi opere del nostro Novecento. Essa racchiude i temi che attraversano l’intero corpus della produzione dello scrittore di Mogliano Veneto: la commistione di bene e male, la colpa insita nel fatto stesso di esistere, la necessità di “ misurarsi ogni giorno con l’eternità o con l’assenza di eternità”.
Venerdì 9 novembre, ore 21

BARBARA DE ROSSI con FRANCESCO BRANCHETTI

IL DIARIO DI ADAMO ED EVA di Mark Twain

regia Francesco Branchetti; musiche originali Pino Cangialosi; produzione Foxtrot Golf.
Lo spettacolo, attingendo al mito della Creazione narra come siano andate le cose tra l’uomo e la donna in chiave ironica e umoristica ma anche fiabesca e romantica e come possa essere nata l’attrazione tra i due sessi. è l’incontro tra Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden mirabilmente tratteggiato dalla grandezza della penna di Mark Twain.

 

Venerdì 23 novembre, ore 21

RICCARDO ROSSI

W LE DONNE

di R. Rossi e A. Di Risi; regia C. D’Alisera; produzione AB Management.
La donna è la prima persona che conosciamo al mondo. Maschi o femmine è uguale: è sempre lei il nostro primo incontro. Riccardo Rossi ci racconta tutti i dettagli di questo viaggio con la piena consapevolezza della schiacciante superiorità delle donne. Come diceva Groucho Marx: “Gli uomini sono donne che non ce l’hanno fatta…”.

 

Venerdì 14 dicembre, ore 21

GIULIANA MUSSO

TANTI SALUTI

con Beatrice Schiros, Gianluigi Meggiorin, Giuliana Musso; regia Massimo Somaglino; produzione La Corte Ospitale.
Lo spettacolo porta in scena tre clown e a loro consegna il non dicibile: il racconto delle paure, degli smarrimenti e delle soluzioni paradossali che mettiamo in atto di fronte alla morte. Unici oggetti di scena: tre nasi rossi e una cassa da morto.

 

Venerdì 4 gennaio, ore 21

con GINGA

GINGA IN GOSPEL

voce Ginga; chitarra Roberto Borghetto; tastiere Gianfranco Rorato, Alessandro Omiciuolo; basso Mauro Scribante; batteria Luca Ferrari.
Claudia Scapolo, in arte Ginga, nata in Luanda e cresciuta in Italia. Solista del coro gospel “Summertime” di Padova, è ora corista dell’Halleluja Gospel Singers, che la porta a calcare i più prestigiosi palcoscenici italiani, collaborando tra gli altri con Mario Biondi e Zucchero.

 

Venerdì 11 gennaio, ore 21

ANDREA PENNACCHI

QUEL VENETO DI SHAKESPEARE

di e con Andrea Pennacchi e Giorgio Gobbo; produzione Teatro Boxer.
Cinque drammi shakesperiani (“I due gentiluomini di Verona”, “Il Mercante di Venezia” ,“Otello”, “Romeo e Giulietta” e “La Bisbetica domata ) sono ambientati nel Veneto. Forse questo significa che il nostro drammaturgo era veneto? Quest’improbabile, quanto divertente, interrogativo apre lo spettacolo e permette un racconto comico, un viaggio di esplorazione del mondo shakespeariano.

 

Venerdì 25 gennaio, ore 21

ANTONIO SALINES e EDOARDO SIRAVO

CARO MARCELLO, CARO FEDERICO
Dedicato a Marcello Mastroianni e Federico Fellini.

testo e regia Giuseppe Emiliani; produzione Teatro Busan.
Marcello Mastroianni e Federico Fellini, guardano la terra dalla luna, e ricordano con nostalgia un che tempo che non c’è più. Alla musica e alle parole faranno da commento varie immagini tratte da film di Fellini. Due umanissimi autoritratti. Un doveroso omaggio a due splendide creature.

 

Venerdì 8 febbraio, ore 21

MAGICAL MYSTERY

I BEATLES AL CINEMA
La storia dei Beatles vista attraverso i loro film con proiezioni e interventi live dei Magical Mystery.

chitarra, voce Eddy De Fanti; tastiera, voce Massimo Bellio; chitarra, voce Roberto Cecchetti; basso, voce Andrea Ghion; batteria Matteo Ramuscello;  tecnico audio e video Gigi Campalto; organizzazione Pierangelo Tripoli; voce narrante, violino Luisa Bassetto.
Con questo intervento si propone di presentare la storia dei Beatles attraverso alcuni estratti delle pellicole che li vedono protagonisti, intervallate da brevi narrazioni ed interventi live del quintetto Magical Mystery che eseguirà alcuni brani legati ai film.
Il cinema dunque come ulteriore invito a esplorare una compagine i cui effetti non sono solo musicali ma anche sociali e di costume.
Venerdì 15 febbraio, ore 21

STIVALACCIO TEATRO

ROMEO E GIULIETTA: L’AMORE È SALTIMBANCO

soggetto originale Marco Zoppello; con Anna De Franceschi, Michele Mori e Marco Zoppello; regia Marco Zoppello; produzione Stivalaccio Teatro.
La più grande storia d’amore di tutti i tempi rivisitata in chiave comica seguendo lo stile della commedia dell’arte. La celeberrima storia del Bardo prende forma e si deforma nel mescolarsi di trame, di dialetti, canti, improvvisazioni, suoni, duelli e pantomime.

 

Venerdì 1º marzo, ore 21

SANDRA MANGINI

UNA GIORNATA AL MARE canzoni d’autore anni ’60 – ’80

voce Sandra Mangini; piano Alberto D’Este; contrabbasso Vincenzo Della Malva; batteria Michele Troncon.
Uno spettacolo di canzoni e testi di: Franco Battiato,
Paolo Conte, Pino Daniele, Sergio Endrigo, Giorgio Gaber, Rino Gaetano, Enzo Jannacci, Gino Paoli, Luigi Tenco
e altre belle sorprese… Canzoni di poesia che risuonano anche oggi, e più che mai, nella loro semplice e luminosa complessità. Come resistere al loro fascino?

 

Venerdì 15 marzo, ore 21

DARIO VERGASSOLA

SPARLA CON ME

di e con Dario Vergassola.
Dario Vergassola ripercorre a ritroso la sua vita, i suoi ricordi di bambino quando sognava di poter divenire un moderno Robin Hood, di quando gli fu regalato il vestito da Zorro in occasione del suo ventiseiesimo compleanno. Ma più di tutto viene messo in scena l’esilarante sconcerto di chi si rende conto che solo una risata potrà seppellire la vacuità, il silicone e il sorriso a trentadue denti.

 

Venerdì 29 marzo, ore 21

GIACOMO ROSSETTO

MARADONA NELL’ALTO DEI CIELI

di Michele Ruol; regia Lorenzo Maragoni; produzione Teatro Bresci.
Maradona ha una storia complicata, fatta di partenze, ritorni, ombre e luci splendenti. Attraverso questo incredibile percorso, Maradona è diventato un mito, una leggenda. Lo spettacolo è un invito a superare se stessi, affrontare le lotte con se stessi, a perdonarsi le cadute, e a darsi, ogni volta, la possibilità di ricominciare.

 

 

Venerdì 12 aprile, ore 21

FRANCA PAMPALONI e NICANOR CANCELLIERI

MEGLIO TARDE CHE MAI

di e con Le Tarde; regia Rita Pelusio; testi Franca Pampaloni, Rita Pelusio e Luz Pierotto; produzione PEM Teatro.
Una volta erano un trio. Adesso sono un duo. E per ricordare la scomparsa di Rosa, le due anziane concertiste Ada e Elsa tornano in scena dopo tempo immemorabile, riproponendo il loro storico repertorio dando vita al più comico, sconclusionato e coinvolgente concerto di musica classica mai sentito.